CorSera, senza Bonaventura è un altro Milan