Il bene del Milan (e del mestiere) non è figlio dei sensazionalismi