Menez-Miha: dallo champagne ad un prevedibile rifiuto