Quando la smentita fa più imbarazzo di una verità