No giustificazioni, privacy e rispetto: lo stile di Montella conquista il Milan