SPAZIO MILANELLO/ Il racconto della seduta pomeridiana