Lazio: Parolo e Immobile imprescindibili, Marchetti e le seconde punte rivedibili