Il sì di Maldini sarebbe garanzia di onestà