Maledetta panchina, ma la colpa non è (solo) di Montella