Decisivi avanti, balbettanti dietro: la contro-difesa di un derby a due facce