Gli amici di Galliani e la macchina del fango, ma i milanisti (quelli veri) possono stare sereni