Processo Maldini aggiornato ad ottobre

E’ stato aggiornato al prossimo 18 ottobre il processo a carico dell’ex terzino del Milan e della Nazionale Paolo Maldini, accusato di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Secondo l’accusa, infatti, la ‘bandiera’ rossonera per evitare controlli fiscali avrebbe messo ‘a libro paga’ un funzionario dell’Agenzia delle entrate, a cui si sarebbe rivolto anche per una verifica illecita per il buon esito di un’operazione immobiliare.

Oggi il processo, a carico anche di altre 12 persone, si è aperto davanti ai giudici della decima sezione penale di Milano, ma è stato subito rinviato per un difetto di notifica della fissazione dell’udienza che ha riguardato uno degli imputati. Maldini, assistito dall’avvocato Danilo Buongiorno, si è presentato anche oggi in Tribunale, come ha sempre fatto nel corso dell’udienza preliminare davanti al gup Luigi Varanelli.

LEGGI ANCHE:  Marani sullo scudetto: "Inter o Milan? Una delle due ha fatto qualcosa in più"

L’ex terzino ha sempre spiegato di essere sereno, perché “non ho mai corrotto nessuno e il Tribunale se ne renderà conto“. Nelle ‘maglie’ dell’inchiesta, coordinata dal pm di Milano Paola Pirotta e che aveva portato in passato a numerosi arresti, erano rimaste coinvolte una quarantina di persone tra dipendenti dell’Agenzia delle entrate e commercialisti, i quali avrebbero aiutato decine e decine di imprenditori e titolari di società ad aggirare i controlli fiscali o ad ottenere trattamenti piu’ favorevoli.