Benvenuto, Djamel!

Una sinistra d’altri tempi. E’ stato un esordio davvero positivo, incoraggiante ed inaspettato quello di ieri sera di Djamel Mesbah, che contro la Lazio ha corso, rincorso e aiutato il Milan alla vittoria. Buona, buonissima la sua prima in rossonero, che dopo acquisti sbagliati e giovani bocciati ha forse trovato un terzino come si deve. Capace, veloce ed intelligente. Un Mesbah nuovo, che mancava al Diavolo da parecchio tempo, conoscitore della Serie A e che, soprattutto, ha coraggio: di provarci, di crossare anche col destro (lui mancino naturale), di non mollare mai. Un 26enne, il dato più positivo, coi fiocchi.

E quello che ha maggiormente stupito, tra le altre cose, è stata l’intesa quasi naturale con il resto dei compagni, lui arrivato a Milanello soltanto da una settimana. Lanci, appoggi, verticalizzazioni ed inserimenti che al Milan vogliono, che a noi piacciono e che a noi e al Milan mancavano. Tutto quello che andava fatto Djamel lo ha svolto con successo, sorprendendo un po’ tutti, forse anche lui stesso.

LEGGI ANCHE:  In che giorno e a che ora si gioca Sassuolo - Milan?

Una prova che deve però rappresentare la base per le prossime uscite rossonere (ma anche per il futuro), la prestazione contro la Lazio in TIM CUP è solo l’inizio del suo lavoro al Milan, cominciato comunque alla grande. Dopo anni di “terzino cercasi”, che sia la volta buona?

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI