KPB, niente Palermo e un bodyguard per Melissa…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Non si può proprio dire che sia una stagione particolarmente fortunata per Kevin Prince Boateng. Dopo il rientro in campo col botto in Champions, nell’andata degli ottavi contro l’Arsenal, la coscia sinistra ha ricominciato a dar noia al centrocampista ghanese. Anche ieri Boa è rimasto in palestra, senza prendere parte all’allenamento del gruppo. E, nonostante lo staff medico rossonero non abbia confermato i tempi di recupero, Prince salterà anche la trasferta di Palermo, in programma sabato per la 26esima giornata di Serie A.

Nella migliore delle ipotesi Allegri riavrà Boateng pienamente a disposizione per il ritorno di Champions a Londra, in programma martedì prossimo. Ma, visto anche il risultato dell’andata, il tecnico potrebbe decidere d non affrettare i tempi e rimandare tutto alla gara interna contro il Lecce, domenica 11 marzo. L’infortunio è sempre lo stesso: risentimento muscolare alla coscia sinistra, lo stesso di gennaio, il medesimo riacutizzatosi il 15 febbraio scorso contro i Gunners.

Nel frattempo, i siti di gossip continuano ad occuparsi della vita privata del Boa. Dopo averlo fotografato in giro per le vie di Milano in compagnia della compagna Melissa Satta, nelle ultime ore si è diffusa la voce su un presunto tentativo di aggressione all’ex Velina. La fidanzata del giocatore rossonero avrebbe respinto con forza un fan “troppo invadente”, rifilandogli – si dice – un calcio nelle parti intime. L’episodio, però, avrebbe indotto lo stesso Boateng a garantire più protezione alla bella Melissa. Al punto che negli ultimi giorni la ragazza sarebbe stata accompagnata da un bodyguard per i negozi del Quadrilatero dello Moda. La popolarità, specie se donna, ha anche questo prezzo…

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook