Sei qui: Home » Calciomercato Milan » Ag. Drenthe: “I rossoneri sarebbero una soluzione ideale”

Ag. Drenthe: “I rossoneri sarebbero una soluzione ideale”

Spunta, o meglio, torna di attualità, per rinforzare il centrocampo rossonero, un nome che era già stato accostato al club di via Turati sia nel corso dello scorso mercato estivo, sia, anche se molto più di sfuggita, a gennaio.

Parliamo di Royston Drenthe, centrocampista ex Real Madrid che, dopo due stagioni in chiaroscuro, la prima alla formazione dell’Hércules, allora neopromossa in Liga, e l’ultima in Premier League, all’Everton, si ritrova ad oggi svincolato.

A confermare l’interesse reciproco tra la società di via Turati e l’Olandese originario del Suriname è l’agente del calciatore, Tekin Birinci, che ai microfoni del portale turco Samsungsport ha dichiarato: “Ci sono diversi club che seguono il giocatore, siamo alla ricerca di un club che giochi la Champions League. Il Milan si è interessato a lui qualche tempo fa. La Serie A sarebbe un campionato dove potrebbe trovarsi molto bene”.

Dichiarazioni che, dunque, non solo non smentiscono un interesse, ma che anzi lasciano presagire che il matrimonio si potrebbe fare in qualsiasi momento, visto che il giocatore non appartiene ad alcuna società. L’olandese, inoltre, è certamente un elemento che potrebbe ben adattarsi a una formazione attualmente priva di punti di riferimento nei diversi ruoli com’è quella rossonera. Il centrocampista originario del Suriname, infatti, nella sua carriera ha ricoperto diverse posizioni.

LEGGI ANCHE:  Dall'Argentina sicuri, il Milan ha offerto 12 milioni per un centrocampista: le ultime!

Impiegato prevalentemente come centrocampista centrale nel Real Madrid, ha più volte ricoperto, sia agli esordi con il Feyenoord, quando ha sporadicamente giocato come ala, ma anche con le Merengues, il ruolo di terzino sinistro. Insomma, un elemento che ha nel suo repertorio una certa ecletticità, e che proprio per questo motivo ha tutte le carte in regola per poter entrare nei desideri di Massimiliano Allegri, che fa di questa caratteristica una delle basi del suo credo calcistico.