Bari Vecchia e un'estate da imbronciato

Bari Vecchia e un’estate da imbronciato

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Per molti sarà un epilogo scontato dopo le esternazioni degli ultimi mesi. Per tutti rappresenterà un’amara conclusione del legame con i colori rossoneri. Antonio Cassano si appresta a lasciare il Milan al culmine di un’estate trascorsa a palesare malesseri.

Tutto è cominciato il 12 giugno, durante la prima fase della trattativa tra Milan e PSG per il passaggio di Thiago Silva al club francese. Dal ritiro della Nazionale a Cracovia Fantantonio tuonò: “Thiago è impossibile da sostituire. L’importante è che poi si sia chiari sugli obiettivi per i quali possiamo lottare. Senza di lui non si può lottare per vincere Champions o campionato. E’ il 50 per cento della squadra. Io, da ignorante, non lo darei mai vita. Poi è chiaro che la società intende ricavare dalla cessione tanti soldi. Se Ibra si sarà arrabbiato per la sua cessione, nel caso gli do ragione. E’ un delitto perdere Thiago Silva, è il più forte del mondo“. Poi arriva la frenata di Silvio Berlusconi con tanto di comunicato ufficiale e Cassano si ammorbidisce ai microfoni dell’amico Pierluigi Pardo di SportMediaset: “Il Presidente è un grande, è la nostra forza. Se lui decide che dobbiamo vincere, vinciamo perchè difficilmente sbaglia”. Poi, però, tutto si capovolge: Italia sconfitta in finale all’Europeo con Cassano in ombra, Thiago e Ibra al PSG di Ancelotti, mercato rossonero al palo.

Arriva così il momento del ritiro: il fantasista barese si presenta a Milanello insieme agli altri nazionali, ma ha il broncio e non fa nulla per nasconderlo. Si parte per gli Stati Uniti e Massimiliano Allegri, al termine del primo allenamento, lo chiama a rapporto, tentando di caricarlo. Nulla da fare: Fantantonio non si rassegna e prepara le valigie. Destinazione Genova? No, perchè per i Garrone non è tempo di ritorni. Allora si resta a Milano, sponda nerazzurra.

Mai, però, dalle dichiarazioni ufficiali è uscita fuori la verità: Cassano si aspettava un allungamento del contratto in scadenza nel 2014 con ritocco dell’ingaggio, fermo a 2,8 milioni a stagione. La mancata chiamata da via Turati è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy