Tendenza invertita: primo tempo ok, secondo no. Ma il primo giorno dei 113 resta dolce

Tendenza invertita: primo tempo ok, secondo no. Ma il primo giorno dei 113 resta dolce

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Milan vs. PescaraL’inversione di tendenza c’è stata: primo tempo sì. Allegri, anche dopo Milan-Reggina di Coppa Italia, aveva chiesto più attenzione nella frazione di gioco che fin qui è costata davvero tanto in termini di punti e di fatica nella ripresa. I suoi hanno sentito ed eseguito. Peccato però che il problema a tempi inversi si sia presentato comunque e quei 45 minuti, o poco meno, regalati agli avversari ci siano stati lo stesso.

E infatti entra in campo bene il Milan che trova un Pescara fragile, fragilissimo sia a difesa che a centrocampo e che non riesce ad arginare la classe e gli inserimenti dei rossoneri che passano in vantaggio dopo pochissimi secondi con il ritrovato Antonio Nocerino. L’azione orchestrata dal duo tutta classe Robinho-El Shaarawy indirizza la partita verso la direzione giusta e i milanisti giocano sul velluto, ma senza più pungere in maniera decisiva, per tutto il primo tempo. L’aggressività e la convinzione nel fare le cose sono però sintomo di una squadra che sta bene e lasciano tranquilli.

La pausa però annichilisce il Milan che invece deve ringranziare l’autolesionismo della squadra ospite che si fa ben due autogol con Abbruscato prima e con Jonathas poi. In mezzo un po’ di paura di troppo con il solito gol preso su calcio di punizione firmato Terlizzi al 56′ e il palo di Balzano con Amelia colpevolmente immobile. Chiude El Shaarawy con un gol servito su un piatto d’argento da Pazzini. E il 113esimo compleanno si festeggia con i 3 punti.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy