Turnover in difesa per Allegri: Bonera scalpita e potrebbe partire titolare contro il Palermo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Bonera e YepesDue frasi di Massimiliano Allegri in conferenza stampa lasciano intendere che domani potrebbe fare il suo ritorno in campo Daniele Bonera. Il centrale di Brescia, che nella prima parte di stagione era stabile tra i titolari, ha subito una serie di infortuni che lo hanno tenuto per qualche mese lontano dai campi, per poi tornare lo scorso tre febbraio contro l’Udinese, di fatto l’ultima partita disputata in stagione, per via dell’ennesima ricaduta.

Domani cambierò uno in mezzo alla difesa; Bonera sta bene, era in panchina a Barcellona, quindi sta bene, queste le parole sibilline del trainer rossonero alla vigilia della sfida al Palermo; dopo le tante partite ravvicinate, dovrebbe riposare Cristian Zapata e quindi il posto accanto a Mexes se lo giocano Yepes, di fatto in questi ultimi mesi la prima alternativa alla coppia franco-colombiana, e Bonera, al rientro dopo tempi difficili lontano dal calcio giocato, senza dimenticare il possibile outsider Zaccardo, che però pare defilato rispetto ai due sopracitati. L’ex Parma si è allenato in gruppo sia giovedì che ieri e quindi sarà convocato dal tecnico di Livorno: anche qualora non dovesse essere impiegato dal fischio d’inizio, è senza dubbio un rientro importante, quello di uno dei pochi senatori rimasti in rosa, perchè aumenta la concorrenza e l’esperienza in una difesa che, comunque, Barcellona a parte, ha trovato stabilità ed ermeticità nella coppia titolare Mexes-Zapata, i quali difficilmente saranno scalzati nello status acquisito in questi mesi.

Serve, tuttavia, la presenza di tutti, perchè gli infortuni non si possono prevedere e le situazioni contingenti nel calcio sono sempre dietro l’angolo. Allegri non ha sciolto ancora i dubbi e non vuole dare anticipazioni agli avversari, ma “Montagna di luce” è pronto: vincerà il ballottaggio con Yepes e Zaccardo e tornerà a difendere i pali dell’altro “senatore” Abbiati? Al campo l’ardua sentenza…