“Buuu” razzisti a Boateng, cori e striscioni contro Balo: la Juve rischia la festa a porte chiuse

maglia razzismo 3 (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

balotelli derby 1 (spaziomilan)Non è bastato lo spettacolo e la magia che uno Juventus-Milan garantisce, sempre. Non è servito solo il gol vittoria di Vidal per gioire. Una parte dei tifosi bianconeri presenti ieri sera alla “Juventus Stadium” sono andati oltre e hanno offeso a suon di cori e striscioni due giocatori rossoneri, per il più classico, e purtroppo vergognoso e scandaloso, episodio di razzismo: Boateng e Balotelli.

Durante il riscaldamento, infatti, il centrocampista ghanese è stato oggetto di ripetuti “buuu” razzisti, versi ed ingiurie inequivocabili che lo stesso Boateng ha sentito e cercato di far cessare con dei chiari gesti con le mani verso lo spicchio di stadio responsabile. Non solo, durante le partita non è stato risparmiato nemmeno SuperMario: cartoncini e striscioni con la sua immagine, alcuni con le scritte “no al razzismo, sì al salto”; ma anche il coro “se saltelli muore Balotelli”. Episodi squallidi, nemmeno i primi, anzi, per la Juventus. In passato non a caso i bianconeri hanno collezionato diverse diffide per vicende dello stesso stampo razzista (soprattutto dopo la sfida interna contro il Napoli). E adesso è arrivato il momento di pagare sul serio.

Nel pomeriggio verrà ufficializzato il comunicato con il quale il Giudice Sportivo sanzionerà il tutto e il rischio di un turno a porte chiuse è probabile. Tradotto: Juventus-Palermo, la possibile partita della festa scudetto a Torino, senza tifosi. Una beffa, ma anche una sconfitta meritata.