Caramagna (ag. FIFA): “Terzo posto? Non è merito di Allegri, Berlusconi fa bene a dubitare. Robinho ha fatto poco o nulla di buono al Milan”

allegri milan-lazio (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Flamini RobinhoNon bastano i 51 punti in 23 partite conquistati. Non basta la rimonta senza fine del Milan in campionato, arrivato a sfiorare il secondo posto (che rimarrà un discorso aperto fino alla fine). Non bastano le certezze El Shaarawy, De Sciglio e Montolivo. Il lavoro di Allegri in rossonero non smette di essere discusso e criticato, nonostante ci sia una conferma importante, non ancora messa nero su bianco, per proseguire insieme anche l’anno prossimo. In un’intervista esclusiva a Ilsussidiario.net l’agente FIFA Giuseppe Caramagna ha speso parole dure e fuori dal coro nei confronti dell’allenatore del Milan (e non solo).

Terzo posto del Milan? Non è merito di Allegri: ha comunque una buona squadra e ci sono giocatori di livello come Balotelli ed El Shaarawy. Berlusconi ha ragione per quanto riguarda i dubbi sul tecnico toscano. Lo cambierei e al suo posto al Milan metterei un mister giovane come Montella, oppure un altro con la mentalità aperta. Avrei fatto di tutto per arrivare a Guardiola. Donadoni? Una brava persona, ma non penso sia adatto a guidare il Milan. Robinho a giugno lascerà i rossoneri, è un giocatore altamente scostante e la sua cessione sarebbe un affare: cos’ha fatto di buono da quando è al Milan? Poco o nulla. Diverso è il caso di Nocerino, che se dovesse partire lascerebbe un vuoto importante. Balotelli? Credo sia stato uno dei colpi di mercato più decisivi degli ultimi anni in Italia”.