Le prime indagini di mercato, ma a una condizione. Sale Vangioni

Le prime indagini di mercato. Si è parlato anche di questo, in maniera più approfondita e ovviamente alla presenza di Inzaghi, durante l’ottavo venerdì di Silvio Berlusconi a Milanello. La conferma l’ha espressa il volto di Adriano Galliani, vago e sorridente sull’argomento: il primo materiale è stato messo sul piatto, fresco di Sud America grazie al viaggio del ds Maiorino.

Una serie di profili dal possibile, e diverso, interesse. Di Lisandro Magallan, promettente difensore del Boca Juniors, ne abbiamo già parlato. Adesso l’attenzione, scrive stamane La Gazzetta dello Sport, si sposta sull’esterno offensivo del River Plate Leonel Vangioni. E’ un classe ’87 (27 anni), non più giovanissimo ma ha il passaporto italiano, attaccante ma all’occorrenza arruolabile come mezz’ala. Dinamico, potente e resistente, gli manca giusto il gol. Potrebbe essere un’alternativa se dovesse sfumare Suso, già prenotato dai rossoneri, per “rimpiazzare” Honda in vista della Coppa d’Asia in inverno. Al di là delle ipotesi però, avvisa Tuttosport, tutto dipenderà dalla posizione in classifica della squadra di Inzaghi: se a gennaio la zona Champions resterà vicina, condizione necessaria, allora sogni (Khedira?) e spese non si escludono a priori.

Sempre l’AD, nella sua intervista, ha parlato più di sfoltimento e meno di acquisti, la rosa di 28 giocatori lo prevede quasi obbligatoriamente. Le due cose dovranno andare di pari passo se il terzo posto è davvero un obiettivo serio per la società. E nell’immediato passa da Verona.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI

Preferenze privacy