Meglio di Ronaldinho ed Henry: dieci anni fa Sheva diventava Pallone d’Oro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ha battuto Ronaldinho. Quel Ronaldinho, quello megagalattico del Barcellona d’oro. Ed Henry. Quell’Henry, quello dell’Arsenal della finale di Champions League. E Deco, e Adriano, e Nadved, e il primo Cristiano Ronaldo dello United. Ma quel Andrij Shevchenko era di un altro pianeta. Troppo forte per appartenere alla nostra stessa razza, troppo elegante per giocare a calcio con un pallone. Dieci anni lo zar d’Europa veniva incoronato a Parigi con 175 voti con il Pallone d’Oro, il più prestigioso premio individuale del calcio. I tifosi rossoneri hanno potuto vederlo giocare da vicino, San Siro era il teatro delle sue gesta. Sheva non si muove, è sempre lì: ogni sua azione è ancora viva nella memoria di ogni milanista.