Niang: “Con Allegri il momento più bello della carriera, a Barcellona. Balotelli ora rifletta. Su Sinisa…”

Attaccante destro Niang
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Questo le dichiarazioni rilasciate da Niang, intervistato oggi da La Stampa.

Sulla Juve e gli allenatori: “Partita da dentro o fuori? No, noi siamo sesti e loro stanno dietro. Manca tanto alla fine. Allegri? Mi ha lanciato e fatto vivere il momento più bello della mia carriera facendomi giocare contro il Barcellona. Mihajlovic? Ho ritrovato lo stesso feeling, mi voleva anche alla Sampdoria e fin dal primo giorno ho capito che intendeva portarmi in alto. Se troverò più spazio con il 4-3-3? Con Mihajlovic gioca chi lo merita, il modulo non c’entra“.

Adesso il Milan è il posto giusto: “Forse prima non ero ancora pronto per una grande squadra. Le esperienze in prestito sono servite. Se mi spaccerei ancora per Traoré? No, però non è l’unica cosa che non rifarei. Ho anche lasciato il ritiro della Nazionale francese cacciandomi in un bel guaio. Ma sbagliando si impara. Il paragone con Henry? È stato un grande campione, ma io lavoro per diventare più forte di lui“.

Momento e compagni: “Siamo più sicuri, all’inizio c’erano un paio di cose da correggere. Adesso subiamo meno gol, facciamo più possesso palla e segniamo di più. Balotelli? Deve approfittare di questo momento per riflettere. Tutti si dimenticheranno di lui e potrà lavorare tranquillo per tornare più forte di prima. Io so cosa significa stare fuori: quando non giochi non ricevi più cinquanta telefonate al giorno e hai il tempo per concentrarti meglio su di te e sul lavoro che devi fare“.