Berlusconi: “Lasciare il Milan è stato difficile, ma non avevo altra scelta. Ho sempre apprezzato Moratti, sabato sera tifo Juve”

Berlusconi Han Li Yonghong Li
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tramite la propria pagina Facebook ufficiale, Silvio Berlusconi ha commentato il premio “Rosa Camuna”, ricevuto dalla Regione Lombardia:

Vorrei ringraziare il presidente Roberto Maroni e la Regione Lombardia per avermi voluto insignire, insieme al presidente Moratti, del premio Rosa Camuna, in riconoscimento all’impegno sociale che abbiamo svolto come Presidenti di F.C. Internazionale Milano e A.C. Milan. Ho molto gradito il regalo di una maglia dell’Inter con il mio nome, anche perché ho sempre apprezzato Massimo Moratti per tutti i sacrifici fatti per la sua Inter, e ho assistito con ammirazione ai tanti investimenti fatti, negli anni, per dare ai tifosi la gioia di un successo. Sono il primo a fargli i complimenti per tutto quello che ha fatto. Io, per antica educazione voluta da mio padre, ho sempre tifato Inter quando era impegnata in match internazionali e la stessa cosa farò, sapendo di suscitare dispiacere a qualcuno, con la Juventus che incontrerà il Real Madrid“.

E ancora: “Per quanto mi riguarda, quelli in rossonero sono stati anni fantastici e lasciare la squadra è stato molto difficile, ma non avevo altra scelta: con l’arrivo degli sceicchi i valori dei giocatori sono diventati irraggiungibili. Oggi in Italia non c’è nessuno che può competere con quelle cifre; io ho cercato, a Milano, qualcuno con cui condividere lo sforzo finanziario per il Milan ma non ho avuto trovato nessuno disponibile a farlo. Quindi, con molto sacrificio, ho dovuto rinunciare alla squadra del mio cuore e venderla a stranieri. Sabato volevo andare a Milanello per salutare ma non ci sono riuscito perché il dolore è ancora molto forte. Per i tanti successi, e anche per questo premio, voglio ringraziare i tifosi rossoneri: senza il loro entusiasmo in questi trent’anni tutto quello che abbiamo fatto, e vinto, non sarebbe stato possibile”.