Maldini: “Spero che il Milan torni ad alti livelli ma non torno indietro sulla mia decisione di dire no…”

Parlando a Sky Sport da Piazza Duomo, l’ex capitano del Milan Paolo Maldini è tornato sulla “vicenda-bandiera”, spiegando i motivi del suo rifiuto alla nuova proprietà: “Ho preso una decisione ad ottobre e la considero giusta e ponderata. I dubbi rimangono, rimane l’amore per questa squadra, la tristezza dell’era Berlusconi che finisce, che ha portato i tifosi a raggiungere soddisfazioni incredibili, che ha portato il Milan sul tetto del mondo. Spero che il Milan torni a quei livelli“.

Maldini spiega incontro con la nuova società: “C’è stato l’incontro ma non è andato a buon fine, ho avuto la fortuna di poter esprimere quello che penso senza essere legato a niente che mi facesse cambiare idea. L’idea è mia: posso avere torto o ragione, ma l’indipendenza di pensiero è la cosa che mi dà più soddisfazione, più delle vittorie, sicuramente non cambio idea adesso”.

Da grande bandiera qual è stata, Maldini parla dell’addio a fine stagione di Francesco Totti: “Le bandiere sono ingombranti, perché il tuo progetto di futuro deve coincidere con il progetto della società. Per quanto mi riguarda sono stato titolare fino all’ultima partita di Firenze. Prima o poi bisogna prepararsi a quel giorno, non potevo accettare di rimanere in panchina. Mi è successo una volta nel derby e per fortuna sono entrato nel secondo tempo, quella cosa mi ha fatto capire che non avrei accetto un impiego part-time”.

LEGGI ANCHE:  Tonali: “Voglio diventare una bandiera del Milan!”, poi l’elogio a Leao

Dopo le vittorie in Champions, tutti elogiano la difesa della Juve, ma Maldini precisa: “Ho grande rispetto per i giocatori bianconeri, ma credo che la nostra difesa abbia fatto per più di 20 anni la fortuna del Milan. È sempre difficile fare i paragoni tra varie ere, anche se penso che Buffon sia il portiere più forte di sempre. Detto questo la Juventus è la squadra che si difende meglio in Europa. Loro, come il Milan di allora hanno puntato sulla difesa italiana”.