Fassone, promesse mantenute. Al ritiro con sette acquisti e con le conferme migliori

Fassone, promesse mantenute. Al ritiro con sette acquisti e con le conferme migliori

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ormai è davvero questione di ore. Tra qualche giorno si ricomincia ed il Milan di Vincenzo Montella, per la prima volta dopo oltre trent’anni, comincerà la sua stagione con una nuova proprietà ed una nuova dirigenza. Sarà una stagione importantissima, dovrà essere quella del rilancio, quella che dovrà far tornare il Diavolo nei palcoscenici che li competono, ma soprattutto quella che dovrà far tornare a sognare i tifosi. Il primo mese di mercato è ormai in archivio e mancano ancora due mesi alla chiusura di una sessione caldissima, ma, come promesso il giorno del proprio insediamento, la nuova dirigenza rossonera sta regalando a Montella almeno 2/3 della squadra prima del ritiro. Il lavoro ancora non è finito, anzi. Adesso arriva la parte più difficile, ma andiamo con ordine.

Il Milan è stata senza ombra di dubbio la squadra regina del calciomercato fin qui e non solo di quello italiano. Sia per la somma investita fino a questo momento che per le tantissime operazione in entrata perfezionate, i rossoneri hanno movimentato il mercato. Cinque gli acquisti già ufficiali, altri due che attendono solo i crismi dell’ufficialità, ma possono dirsi già conclusi. Musacchio, Rodriguez, Kessié, Andrè Silva e Borini, sono già rossoneri, Conti e Calhanoglu, attendono solo di essere ufficializzati. La questione Donnarumma, anche se è meglio non metterci le mani sul fuoco finché non si avrà la certezza, sta per concludersi con un rinnovo che ha vissuto momenti degni di un vero e proprio thriller. Con lui sembra ormai certo della permanenza anche Suso, oltre a Bonaventura e Romagnoli, mai in discussione. I quattro elementi su cui fondare il Milan che verrà sono rimasti al loro posto e anche questa è un’altra promessa mantenuta dall’ad rossonero.

Ora, arriva il difficile, però. Il Milan ha una rosa troppo ampia e sono tantissimi i calciatori che devono fare la valigie verso altri lidi. De Sciglio, Paletta, Zapata, Bertolacci, Poli (che ormai sembra essere già del Bologna), Kucka, José Mauri, Sosa, Vangioni, Bacca, Lapadula, Niang, forse anche  Montolivo e Abate. Sono tutti calciatori che non rientrano più nei piani di Montella e del nuovo Milan, ma non sarà facile trovare una soluzione a tutti e riuscire a guadagnare anche qualche soldino. In più c’è da completare la rosa con due elementi cardine da cui non si può prescindere: il regista davanti la difesa che possa far girare la squadra e l’attaccante da quindici/venti gol a stagione, ammesso e non concesso che il calciatore in questione non possa essere Andrè Silva.

Dobbiamo parlarci chiaro, però, ed essere onesti. Il Milan, anche se dovesse terminare oggi il mercato, ha migliorato la sua rosa e di gran lunga. Lo ha fatto spendendo molto, ma lo ha fatto anche e soprattutto con un’idea, un progetto e due dirigenti, Fassone e Mirabelli, che lavorano giorno e notte per migliorare la squadra e ridare un’immagine a quello che un tempo era un grande club. Hanno ereditato macerie, pochissime calciatori validi, due di loro in una pericolosa situazione contrattuale e una società, oltre che una squadra allo sbando. Il compito era e resta arduo, ma un paio di obiettivi li hanno già raggiunti. Prima di tutto sono tornati a far sperare i tifosi, logori e stanchi di anni e anni di cattiva gestione e prese in giro, sia a livello comunicativo che prettamente calcistico. Soprattutto, però, hanno riunito una tifoseria che finalmente è tornata ad essere orgogliosa di essere milanista e si è ritrovata compatta nel criticare la vecchia gestione e nel complimentarsi con il lavoro della nuova. Il campo darà come al solito le sue sentenze, ma almeno da questo punto di vista, il Milan è tornato.

Twitter: @lino850

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy