Bucchi a Premium: “Certi errori contro grandi giocatori sono fatali. La classifica non ci rende giustizia”

screen da youtube
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Le dichiarazioni di Cristian Bucchi al termine di Sassuolo-Milan ai microfoni di Premium Sport: “Che il Sassuolo possa migliorare è sicuro, anche perché la classifica non è degna di questa squadra e di questa società. La nostra classifica però non rende giustizia a quello che abbiamo fatto in campo in queste partite, anche se spesso i ragazzi non fanno quello che sanno fare e che fanno in allenamento. Probabilmente si tratta di di pressione. Facciamo bene poi ci mettiamo sempre del nostro commettendo errori stupidi che poi si pagano e che con certi giocatori di fronte diventano fatali. Io mi metto quotidianamente in discussione: se la squadra non vince la responsabilità è sempre dell’allenatore. Ma la società mi vede ogni giorno, sa cosa faccio e deciderà cosa fare con me. Il mio mestiere però mi porta ad essere il responsabile di quello che succede in campo. Ereditare una squadra è sempre difficile, devi essere bravo ad individuare le caratteristiche dei giocatori. Lo scorso anno il Sassuolo verticalizzava tanto: anche perché c’erano Berardi, Defrel, tutti giocatori capaci a farlo. Io ho cercato di mantenere un po’ delle idee dello scorso anno ma con giocatori diversi. E’ difficile far cambiare delle idee a dei ragazzi che giocano in un certo modo da 6 anni, certe abitudini sono radicate. Io sto cercando di portare un po’ più di gioco palla a terra, un po’ più di fraseggio, anche se per il momento tutto questo si sta vedendo poco”.