Quell'incurabile male di scontri diretti. Milan, così non si va da nessuna parte