Parma-Milan, le pagelle: Ibra lascia i rossoneri in dieci, Dalot e Leao la risolvono

LE PAGELLE (SpazioMilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

DONNARUMMA 6.5 – Doppio miracolo in apertura di secondo tempo, forse poteva fare qualcosa in più sul gol di Gagliolo. Prestazione tutto sommato che resta positiva.

KALULU 6.5 – Ottimo primo tempo del giovane terzino, che annulla uno Gervinho mai in partita. Nella ripresa arriva un po’ di stanchezza.

KJAER 5.5 – Perde Gagliolo in occasione del gol dei crociati. Prestazione leggermente sottotono rispetto a quello a cui siamo abituati.

TOMORI 6.5 – Buona prova, sempre deciso negli interventi e in sintonia con Kjaer.

T. HERNANDEZ 6.5 – Torna al bonus con un grande assist per Kessie. Nonostante qualche passaggio sbagliato di troppo e un’ammonizione che poteva risparmiarsi, la sua resta una grande partita.

KESSIE 7 – Il Presidente raggiunge quota 10 gol in campionato. Oggi la marcatura non arriva da un rigore, ma a conclusione di una splendida azione corale.

BENNACER 6.5 – Quando il metronomo rossonero torna a dettare i ritmi, tutto il Milan inizia a girare, e a giocare bene.

SAELEMAEKERS 6.5 – Si è rivisto un buon Saelemaekers stasera al Tardini nel suo ruolo di esterno destro. Il belga sa puntare, arriva bene sul fondo e sa anche recuperare in copertura.

CALHANOGLU 6 – Partita sufficiente, senza particolari acuti. Bene soprattutto nel primo tempo.

REBIC 7 – Torna al gol, e si sblocca soltanto dopo otto minuti. Servirà il miglior Ante per questo finale di stagione.

IBRAHIMOVIC 5.5 – Grande assist per Rebic, grande prima frazione di gioco. Nella ripresa viene espulso (ancora inspiegabilmente) da Maresca a seguito di alcune proteste.

DALOT 7 – Il suo assist per Leao nel finale è tanto bello quanto importante. Il terzino portoghese risponde “presente” nel momento del bisogno.

MEITE 6

KRUNIC s.v.

GABBIA s.v.

LEAO 7 – Entra nel finale e trova il gol che chiude una partita che si era complicata più del dovuto.

PIOLI 6.5 – Il Milan sblocca subito un match, poi gestisce e detta i tempi nel primo tempo. Nella ripresa l’espulsione di Ibra rischia di riaprire completamente i giochi, e i rossoneri si abbassano dopo il gol dell’1-2. Bravo il mister con i cambi: sono due subentrati (Dalot e Leao) a chiudere la partita in contropiede.