Sei qui: Home » News » Maxi recupero o tempo effettivo? La posizione della Serie A

Maxi recupero o tempo effettivo? La posizione della Serie A

Quella di Qatar 2022 sarà ricordata come una delle edizioni del Mondiale più discusse di sempre.

Tante sono le ombre attorno all’organizzazione: il fatto che si giochi d’inverno, la questione sui diritti umani. Insomma, tra gli appassionati calcistici non si respira il solito clima di festa e di emozione che dovrebbe portare lo svolgimento di una Coppa del Mondo.

Un altro fattore che ha lasciato perplessi gli spettatori è la questione legata ai minuti di recupero. Dentro le prime otto partite del Mondiale abbiamo dovuto assistere spesso a recuperi con la doppia cifra, un qualcosa a cui non siamo abituati.

La Coppa del Mondo

Serie A, minuti di recupero o tempo effettivo?

Proprio Collina (il presidente della sezione arbitri FIFA) tre giorni fa era stato chiaro sui tempi di recupero da adottare a Qatar 2022: “Abbiamo raccomandato ai nostri arbitri di essere molto puntigliosi nel calcolare i minuti da aggiungere alla fine di ogni tempo“. Lo stesso Collina, attraverso un’intervista rilasciata a Calciatori Brutti, aveva parlato di una possibile introduzione del tempo effettivo in modo da avere partite tutte della stessa durata.

LEGGI ANCHE:  Ziyech apre al Milan? Il trequartista allo scoperto: "Succederà in inverno"

Il mister del Milan Stefano Pioli, già lo scorso anno, aveva sollevato la questione dichiarando che si gioca troppo poco e questo era una cosa molto dannosa per le squadre italiane. Insomma, magari non arriveremo in tempi rapidi alla regola del tempo effettivo; quello che è sicuro è che tutti noi dobbiamo abituarci a vedere minuti di recupero extra-large.