È un Milan diverso: buon gioco a sprazzi, ma rimane il grosso problema mentale