Disastro, Goian ci punisce e Pato si fa male

Disastro, Goian ci punisce e Pato si fa male

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il “Barbera” e Serse Cosmi rimangono un tabù per il Milan che perde 1-0 e fa riaprire il campionato. Senza Ibra squalificato  Allegri da fiducia all’inedito tandem Cassano-Pato con Seedorf a suggerire. La squadra rosanero parte subito forte e trova il vantaggio dopo pochi minuti con un calcio d’angolo sul quale Van Bommel si addormenta tenendo colpevolmente in gioco Goian che, da due passi, fa fuori Abbiati.

In svantaggio il Milan prova a trovare il pari prima con Flamini poi con un diagonale di Jankulovski che Nesta non riesce a deviare in porta. Proprio il ceco pochi minuti dopo esce per un infortunio al ginocchio, al suo posto Antonini. I rossoneri però non pungono, è il Palermo a fare paura con la coppia Pinilla-Pastore che combina a meraviglia con palla a terra e tiri nello specchio della porta,quello che manca al Milan che trova un Cassano sotto tono,senza idee e impreciso quando al minuto 33 spreca una buona ripartenza.

Nel secondo tempo entra Boateng per Van Bommel, poi Pato si fa male (distorsione alla caviglia) e tocca a Robinho fare da spalla a Cassano. Il Milan è sbilanciatissimo in avanti ma trova un super Sirigu che salva su un colpo di testa di Gattuso. Il Palermo al novantesimo sfiora il raddoppio su una ripartenza con Hernandez che tira a lato.

Finisce 1-0, il Milan esce dal Barbera senza punti e con due giocatori in infermeria. Il Derby sarà senza l’insostituibile Ibra, la cui mancanza in zona goal è risultata decisiva, il recupero di Pato è fondamentale, per fortuna c’è la sosta (sperando che basti).

Per le più belle immagini della partita, clicca qui!

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy