Il Diavolo non venderà mai la sua anima!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il caso Fininvest sembra aver dato una scossa a livello societario nell’ambiente rossonero. Infatti, nella giornata di martedì, c’è stato un incontro ad Arcore tra Adriano Galliani, Silvio Berlusconi e le figlie Barbara e Marina. Si è discusso del futuro della società di via Turati, con due possibili strade da poter intraprendere per continuare a tenere alto il nome del Milan.

Da una parte, la figlia Marina, che segue la corrente secondo cui il Milan è un giocattolo superfluo e troppo costoso, spinge per la cessione di quote di minoranza della società. Galliani e Barbara invece, spingono per la strada che porta allo scorporo del Milan dalla capogruppo, che però non significherebbe affatto una cessione totale della società, anzi, esattamente il contrario. Certamente, Barbara ha preso a cuore la questione Milan, e la famiglia sembra intenzionata a investire anche quest’estate.

In questo momento, la bilancia sembra pendere dalla parte dell’affetto e dei sentimenti anche se ad oggi nulla è deciso in attesa di altri incontri, nei quali verranno coinvolti anche i vertici di Mediaset per fare il punto sulla situazione di tutto l’universo berlusconiano. Intanto, nella giornata di mercoledì, la Fininvest ha escluso con un comunicato ufficiale un’eventuale cessione del Milan, “In modo categorico, dichiariamo che si tratta di ipotesi fantasiose e di scenari totalmente privi di fondamento”. Come dichiarato anche da Adriano Galliani.

Non resta che aspettare le prossime riunioni che vedranno protagonisti nuovamente lo stato maggiore della società di via Turati e della Fininvest, auspicandoci sempre che possa prevalere il cuore e l’amore per il Milan.

Carmelo Bruno

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook