Scudetto 2006: Palazzi “l’Inter commise illecito sportivo”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Giacinto Facchetti violò gli articoli 1 e 6 del codice sportivo e, in particolare, cercò di ottenere un vantaggio in classifica in favore della società Internazionale F.C. Queste parole non sono di uno dei tantissimi juventini, forse frustati dalle prestazioni poco convincenti della Signora, ma sono del Procuratore Federale Stefano Palazzi. Così dopo sei anni adesso abbiamo la conferma che l’Inter avrebbe commesso un illecito sportivo attraverso la persona di Giacinto Facchetti.

Palazzi scrive: “in definitiva: la reiterazione delle telefonate; i rapporti di consolidata conoscenza fra gli interlocutori; l’affidamento insorto in questi ultimi sulle informazioni attese o ricevute; la reciprocità delle informazioni richieste; la assoluta inverosimiglianza o contraddittorietà delle giustificazioni fornite dai soggetti esaminati nel corso delle indagini; rappresentano tutti elementi gravi, precisi e concordanti, in ordine alla illiceità di molte delle condotte in esame e che consentono di escludere una qualsivoglia verosimile ricostruzione alternativa dei fatti oggetto di indagine.”


Come ben ricordano i tifosi juventini, per le medesime colpe si aprì il processo a Moggi, e la Juventus venne mandata in B con penalizzazione, ma “fortunatamente” per l’Inter i reati di Facchetti e dello stesso Moratti, sono caduti in prescrizione. Fattosta che il 18 luglio si deciderà sulla revoca dello scudetto, ma questo non basterà ai tifosi juventini, che ben sanno come l’Inter abbia vinto 4 scudetti senza avversari. Se giustizia esiste la società Internazionale F.C. dovrebbe farsi processare e pagare per i suoi sbagli come tutte le altre società.

Tommaso Di Vincenzo

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook