Alex vuole la Juve

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Alex è pronto a cambiare maglia, lo ha annunciato ai microfoni di Sky Sport 24 nella serata di ieri:«So dell’interessamento della Juve, penso che i bianconeri mi vogliano in prestito e questa sarebbe una possibilità poco concreta per me e il Chelsea ma tutto quello che so al momento è che il mio procuratore è stato contattato dai dirigenti della Juve. Ho 29 anni e per me sarebbe una grande opportunità: arrivasse un quadriennale lo accetterei. Sono ancora legato per due anni al Chelsea ma si  è parlato di rinnovo. Mi piacerebbe molto giocare in Italia, spero di riuscire a realizzare questo sogno prima di smettere». La strada che la Juventus vuole percorrere è ben precisa: la formula è quella del prestito oneroso per poi riscattare Alex in un secondo momento. Un’ astuta alternativa per non pagare cash i 10 mln chiesti dal Chelsea di Villas Boas, che prova ora a monetizzare dopo aver preso Mata dal Valencia per 29 mln di sterline.  Alex si dice entusiasta di giocare nella Juventus e di poter far parte del progetto targato Conte:«Il calcio italiano mi piace e i colori bianconeri sono speciali. Due anni fa parlai con Amauri e Diego dopo una sfida contro la Juve e loro mi hanno detto cose molto positive sulla squadra. Anche per questo motivo quando ho parlato con mio procuratore gli ho detto che sarebbe una grande opportunità per me. Mi piacerebbe giocare con Chiellini, l’ho incontrato ed è stata una grande sfida. Avere poi Buffon in porta è una sicurezza, è il miglior portiere al mondo ed è sempre difficilissimo segnare quando c’è lui tra i pali. Si verrebbe a formare una difesa fortissima, una condizione necessaria per la Juve per tornare a vincere».


Alberto Gencarelli

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook