Un altro Alex per Conte?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Oggi potrebbe essere il giorno decisivo per il trasferimento di Alex (29) alla Juventus.

Dopo l’ipotesi Lugano, molto vicino alla Lazio di Lotito, il club bianconero si è catapultato sul centrale del Chelsea, ottimo elemento che andrebbe a completare il reparto difensivo.
Il brasiliano non rientra nei piani di Villas Boas, che lo considera addirittura una riserva; ecco perchè Alex è ufficialmente sul mercato con una valutazione che si aggira sugli 8 milioni.

Beppe Marotta sarà oggi a Londra per incontrare la dirigenza del Chelsea e provare a portar via il brasiliano in prestito con diritto di riscatto, ipotesi che non convince del tutto Abramovich, infatti la sua intenzione sarebbe quella di cederlo a titolo definitivo.

Anche lo Zenit di Spalletti è interessato al giocatore per sostituire Bruno Alves, il quale ha chiesto di essere ceduto e sul quale la Juventus ha messo gli occhi per non rimanere a mani vuote a fine mercato.


Lo Zenit in precedenza ha proposto ai bianconeri lo scambio Bruno Alves per Leonardo Bonucci più danaro, offerta rifiutata dalla Juventus che vorrebbe trattenere il suo difensore e che punterebbe su Alves solo se la trattativa per Alex dovesse fallire.

Attenzione però a due giovani promesse che potrebbero arrivare gli ultimi giorni di mercato:
Leonel Galeano, difensore dell’Independiente e della Nazionale argentina; e Sebastian Coates, giocatore del Nacional Montevideo e della Nazionale Uruguaiana, due soluzioni last-minute che darebbero poca esperienza ma molta lucidità.
Tutto dipenderà ovviamente dal Chelsea e da Alex, che la Juventus proverà a portare a casa fino all’ ultimo, per aggiungerlo alla lista degli “Alex” che hanno da sempre fatto bene alla Juventus.

Karolina De Falco

 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook