Riscatto Abbiati, volano le new entry

Riscatto Abbiati, volano le new entry

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

ABBIATI 7Profetico il nostro pezzo di questo pomeriggio, un “Cacciatore” tirato a lucido nel momento del bisogno, sebbene non sia chiamato ad intervenire spesso nel corso dei 90′. E al diavolo (non quello rossonero) tutte le voci di mercato.

ABATE 6.5 – Il motorino non si ferma mai, questa sera da esterno di centrocampo si è comportato egregiamente. Peccato che non sia quello il suo ruolo, che ci sia una linea arretrata da aiutare e che Kezman, quando ne ha la possibilità, gli va via che è una bellezza.

NESTA 6.5 – In una serata abbastanza annebbiata per tutto il reparto, limita quei pochi danni che gli si parano innanzi. Sicurezza, stagionata sicurezza.
Dall’84’ MEXES sv – Finalmente l’esordio a sei mesi e mezzo dall’infortunio con la Juventus.

BONERA 6 – Il solito scolastico, ma, a suo modo affidabile, Bonera. Quella carta che, se ci sono Thiago e Nesta, non ti giochi nemmeno per tutto l’oro del mondo, ma se Yepes e Mexes non sono al massimo della forma, diventa fondamentale per rimpiazzare uno dei due titolari.

TAIWO 6 – Un voto d’incoraggiamento per l’esterno più bistrattato e meno ambientatosi di sempre, anche più di Antonini che è tutto dire. Persevera nel tentare il tiro da fuori, più importante sarebbe imparare a difendere senza eccessivi danni.

VAN BOMMEL 5.5 – Inizio shock, poi è il solito Mark, ma certe disattenzioni, oltre a poter essere fatali nell’economia di una partita del genere, non sono accettabili da un totem d’esperienza come lui.

NOCERINO 7 – Con un avversario pur abbordabile, con una difesa che ogni tanto sballa e un Van Bommel bell’addormentato, il buon “Noce” corre come il miglior Flamini e ringhia come il miglior Gattuso, senza disdegnare l’appoggio ai compagni d’attacco. Alla faccia di chi gli vuole male.

AQUILANI 6.5 – Molta legna e un po’ di fioretto, qualità e quantità che arricchiscono il trend positivo del dopo-sosta. Uniche pecche: poca incisività sotto porta, poca precisione e quel palo che ancora vibra, se permettete, può essere catalogato nella sezione “Gol mangiati”.

BOATENG 6.5 – Parte bene, poi si perde. Dopo l’intervallo addirittura si spegne, ma regala al pubblico di San Siro una vera perla che finisce per renderlo più incisivo e meritevole dei pur bravi Aquilani e Cassano.
Dal 78′ EMANUELSON sv

CASSANO 6 – In un periodo d’oro, comincia a capire che cosa vuol dire giocare ogni tre giorni. Che fatica, caro Antonio… E la prestazione ne risente: nulla di particolare da rimproverargli, sia ben chiaro, ma manca di lucidità.
Dal 62′ ROBINHO 6.5 – E’ il partner ideale del numero 11 e questo è più che risaputo. Sarà un caso che, da quando è tornato in campo, il Milan è tornato il Milan?

IBRAHIMOVIC 7 – Quando a un giocatore basta disputare 5-10 minuti ad un ritmo sufficiente per segnare un gol ed incanalare una partita, questo non può che essere: a) un campione assoluto, b) determinante per un gruppo che più cerca di essere autonomo e più finisce per essere estremamente dipendente dall’umore di un gigante svedese.

ALLEGRI 6.5 – Ripropone l’assetto vicente di sabato scorso, dà un’importante chance a Taiwo e restituisce Mexes al calcio giocato… Anche se le castagne dal fuoco gliele tira via il solito noto.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy