Valzer in porta: Christian, è ora di difenderti!

Valzer in porta: Christian, è ora di difenderti!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E’ ora di prenderne le difese, di difendere l’estremo difensore, di porgere la guancia (e non solo) a Christian Abbiati. Come riportato ieri da La Gazzetta dello Sport, l’Udinese è pronta a piazzare il nuovo colpo in uscita. Dopo i milioni incassati dalle cessione si Sanchez e Inler, la prossima estate potrebbe essere il turno di Samir Handanovic. Il portierone bianconero è al momento uno dei più forti e affidabili portieri della Serie A. Pozzo ha già fissato il prezzo: per meno di 20 milioni Handanovic non si muove.

Ed ecco subito profliarsi un duello tutto milanese, con Julio Cesar e il nostro “Cacciatore del Sole” sulla graticola in quest’inizio stagione in più di una circostanza. E se, effettivamente, la flessione del numero uno brasiliano è stata evidente, quella del gigante Campione d’Italia, da protagonista, nel 1999 e nel 2011 è legata essenzialmente ad alcune lacune mostrate in qualche circostanza, ma essenzialmente rimediate da interventi da grande, grandissimo atleta.

E’ ora, insomma, di difendere un uomo che ha avuto la fortuna-sfortuna di vivere all’ombra, per oltre dieci anni, di fenomeni assoluti come Nelson Dida (almeno finché è stato affidabile al 100%) e di Gianluigi Buffon. La parata di Perugia, maggio 1999, la parata di Brescia, del recente passato, non sono gli unici episodi in grado di spiegare la grandezza dello sportivo e dell’uomo Christian Abbiati. E non è giusto che un portiere, pur con alti e bassi, sulla breccia da oltre 12 anni svolga la professione “ancorato” e limitato dal semplice fatto che in Nazionale non sia mai stato valorizzato a dovere. Forza, Christian!

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy