Taiwo: bocciatura (quasi) definitiva

Una bocciatura netta, mai così palese e capace di mettere d’accordo davvero tutti. La partita di Taye Taiwo a Minsk, contro il Bate Borisov può essere riassunta con queste poche, secche parole. Mai come in questa occasione, infatti, il terzino sinistro nigeriano si è dimostrato totalmente inadeguato e non all’altezza di un palcoscenico stellare qual è la Champions League.

Non dimentichiamoci, inoltre, che di fronte al nostro Diavolo non c’era il Barcellona o un qualsiasi squadrone blasonato, ma una modesta compagine che della velocità e del gioco di rimessa le sue uniche carte vincenti. E dire che il primo tempo non era stato dei peggiori. È stata la seconda parte di gara a far emergere le enormi e purtroppo consuete pecche del nigeriano: poca attenzione e predisposizione alla fase difensiva, troppo fragile nell’anticipo e nell’uno contro uno. Taiwo, infatti, appare in molte fasi di gioco un elemento troppo facile da saltare e i suoi compagni di reparto, in particolar modo i centrali di difesa, si trovano sempre in situazioni d’emergenza.

LEGGI ANCHE:  Milan-Investcorp: ci siamo? Il CEO risponde così!

Quante volte, nel corso delle partite da lui giocate da titolare abbiamo visto Thiago Silva rincorrere avversari in una zona di competenza non sua? Troppe, troppe davvero. A un’evidente debolezza in fase difensiva aggiungiamo inoltre uno scarso fiuto nel decidere il modo in cui gestire palloni importanti. I suoi errori nello scegliere di calciare in porta invece di giocare la palla, soprattutto nei minuti finali, sono qui pronti a dimostrarcelo. Cosa manca a Taiwo per diventare un uomo davvero da Milan? Esperienza, cattiveria agonistica, maturità calcistica? Forse tutte e tre le cose. Certo, le opportunità concessegli di Max Allegri iniziano ad essere tante e le voci di mercato intorno ad una sua possibile sostituzione si accavallano di giorno in giorno.

Non sappiamo ancora quali scelte verranno operate dalla società, però un dato appare certo: per evitare una sostituzione che ora come ora appare inevitabile serve un cambio di rotta. E serve subito.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI