Contratti in scadenza: succederà che…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nello scorso maggio il Milan ha rimandato diverse situazioni contrattuali di parecchi giocatori rossoneri, che scadranno il prossimo giugno. Roma, Nesta, Zambrotta, Ambrosini, Van Bommel, Seedorf ed Inzaghi; questi sono i sette giocatori in questione. Circa sei mesi fa era chiara la linea societaria dettata da Galliani: rinnovo di un anno a tutti coloro il cui contratto scadeva a giugno 2011, a certe condizioni. Unico assente Pirlo che, volendo più soldi e garanzie e con la Juventus alla finestra, decise di comune accordo con il Milan di lasciare per andare altrove. Una situazione delicata per i restanti ” vecchietti “, che obbligherà Galliani a rivedere ogni singola questione e decidere, assieme ad Allegri, a chi rinnovare ancora e a chi no. Analizziamole una per uno.

Flavio Roma – C’è ma non si vede, d’altronde il ruolo del terzo portiere si sa, è scomodo e ai margini. All’interno di una rosa conta poco e gioca ancora meno, ma serve comunque. Ecco perché il Milan, a meno di altre opportunità in giro, deciderà di continuare il rapporto con lui e rinnoverà di un altro anno. Scelta non dolorosa e sostanzialmente poco importante.

Gianluca Zambrotta – Per l’ex Nazionale la situazione non è molto chiara: attualmente è acciaccato ed il Milan da sempre soffre della mancanza di un vero terzino sinistro, che lui a fatica ricopre. In diverse situazione delicate, però, lo scorso anno Zambro c’è sempre stato: per esempio, nel derby e contro la Roma nel match scudetto. Dunque anche per lui sembra prospettarsi un rinnovo per un altro anno.

Alessandro Nesta – Nessun dubbio, rinnovo senza discussione. Le sue recenti dichiarazioni sono un confortevole segnale in questo senso, Sandro vuole giocare ancora e nel Milan. Rinnovo e un altro anno, o forse due, in rossonero.

Massimo Ambrosini – Situazione delicata, seconda solo a quella di Inzaghi. Perché il capitano Massimo non è quasi mai presente nell’undici titolare di Allegri, che non lo considera molto. Parliamo di un pezzo di storia del Milan, come lo era Pirlo e sappiamo bene come è finita. Non è da escludere un suo possibile addio a fine stagione.

Mark Van Bommel – Arrivato lo scorso gennaio e protagonista di alcuni mesi, i primi, davvero super. Essenziale in mediana, quest’anno meno. I suoi 34 anni si fanno sentire e il problema è che gode anche di un buon mercato: il PSV lo vuole ancora e lui ha piacere nel tornare presto in Olanda. Più no che sì il rinnovo per lui.

Clarence Seedorf – Ci saranno discussione, parole e lamentele. Come lo scorso anno. Ma Clarence rimarrà almeno un altro anno, a meno di imprevisti. Nascosto fino a dicembre ma punto di forza da marzo in poi, sempre utile. Berlusconi lo vuole come futuro allenatore del Milan, ma il suo futuro, da giocatore, rimarrà ancora e lo stesso qui.

Filippo Inzaghi – Addio, purtroppo. Forse già a gennaio, in attacco non si vede proprio più ma lui dice di star bene. Feeling mai nato con l’allenatore, concorrenza quasi impossibile e sleale e Atene che rimarrà nella mente di tutti. E’ arrivata l’ora dell’addio di Pippo al Milan.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook