Criadillas fritas alla catalana: la leggenda che può farci sperare

La Plaza de toros Monumental di Barcellona è stata inaugurata nel 1914. La sua storia è durata 98 anni, infatti da gennaio 2012 la corrida in Catalogna è proibita. Per quasi un secolo dunque, le gesta di toreri, picadillos e tori si sono susseguite di evento in evento. Leggende e aneddoti son stati raccontati, tramandati di generazione in generazione. Inevitabile quindi che essi talvolta vengano citati come metafore della vita comune o accostati anche a grandi appuntamenti sportivi. Tra i tanti ce n’è uno nel quale potrebbe figurare il Milan.

Un forestiero recatosi a Barcellona, viene attratto dal manifesto di una corrida che si terrà come tradizione, a La Monumental. Colori, odori e grida caricano di adrenalina la giornata dello straniero che si gode l’atmosfera catalana, nella giornata in cui esalta la tauromachia. Lo spettacolo a cui assiste lo stordisce per emozioni e non pago di tradizione, entrando in un ristorante ancora gasato dall’esibizione, chiede al cameriere di servirgli il piatto più tipico che si possa avere.

Senza esitazione il cameriere, prende alla lettera la richiesta e porta in tavola un piatto di Criadillas fritas, ovvero testicoli di toro fritti. Con piglio meno ebbro, tra il titubante e il disgustato, assaggia la specialità della casa e sorprendentemente ne apprezza il sapore.
Una giornata certamente da ricordare per lo straniero in terra ispanica, così inusitata ma così palpitante che decide di ripetere l’esperienza più volte nella stagione delle corride.

LEGGI ANCHE:  Ritorno al Milan? La risposta di Berlusconi spiazza tutti

Presa l’abitudine, conosce ormai la città, la sua gente, i suoi umori. Dopo l’ennesima puntata a La Monumental, va al ristorante che gli ha fatto scoprire quel piatto inusuale e ordina “il solito”. Il cameriere gli serve come sempre la portata favorita, ma questa volta le dimensioni dei Criadillas sono decisamente inferiori. Chiede subito informazioni in merito e il camarero con insospettabile leggerezza risponde: “A volte anche il torero muore…“.

Schietto e crudo come solo un aneddoto popolare a volte può essere, ricorda però che nessuno è invincibile e che sfide dai valori apparentemente sbilanciati, possono avere un vincitore inatteso. Allora vai Diavolo, senza paura, mata il decantato e favorito torero català: a volte può cadere anche lui.