Maxi vuole Monaco: "In finale col Barça"

Maxi vuole Monaco: “In finale col Barça”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

In tempi in cui è di moda rivelare i propri sogni, nessuno vuol tirarsi indietro. E’ il turno di Maxi Lopez, che, intervenendo all’emittente spagnola Radio RAC1 per parlare dei sorteggi di Champions League, ha raccontato il suo desiderio: “La finale contro il Barcellona”.

L’argentino, che tra gennaio 2005 e giugno 2006 ha vestito la maglia blaugrana, ha espresso l’auspicio di incontrare le due grandi spagnole, Barca e Real, il più tardi possibile: “Mi piacerebbe affrontare il Barcellona in finale. Sarebbe perfetto. Non vorrei sfidare ai quarti nè i catalani nè il Real Madrid”. Anzi, se potesse l’attaccante ex Catania piloterebbe l’urna: “Sarei felice se si affrontassero Real e Barca in semifinale”. Sempre sottintendendo un approdo del Milan all’ultimo atto dell’Allianz Arena di Monaco, il 17 maggio.

Quindi una riflessione sullo stato attuale: “Sono in un momento di forma impressionante”. Sabato, nell’anticipo contro il Parma, Maxi rientrerà dall’infortunio, partendo probabilmente dalla panchina. Finora tra Serie A e Coppa Italia è sceso in campo 5 volte, mettendo a segno una rete pesante, valsa i tre punti al Friuli contro l’Udinese.

L’attaccante sudamericano, approdato a Milanello a fine gennaio con la formula del prestito oneroso fissato a 1,5 milioni di euro più diritto di riscatto a fine stagione fissato a 8,5 milioni, è fermo dal match contro la Juventus che gli ha fatto saltare Palermo, Arsenal e Lecce. Ora è carico, spinto anche dalle parole di qualche giorno fa del suo agente Andrea D’Amico: “Penso che alla fine il Milan lo riscatterà”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy