Per Oscar fu fatal Piacenza (e fatal Mutti…)

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non si può certo dire che gli scontri tra l’attuale allenatore rosanero Bortolo Mutti e il nostro Diavolo siano mai stati tranquilli o all’acqua di rose. Prendi una domenica di inizio dicembre di metà anni novanta, una matricola data per sfavorita da tutti i pronostici e uno stadio stranamente caldo e tutto esaurito. Sì, quel 1 dicembre 1996 all’allora “Galleana” di Piacenza uscì un pomeriggio, volente o nolente, indimenticabile.

3-2 il risultato finale, Piacenza premiato con la vittoria in seguito forse alla migliore partita della sua storia e ad un goal, siglato dal Pasquale Luiso, rimasto nella memoria di tanti appassionati. E indovinate un po’ chi c’era alla guida di quei biancorossi così arrembanti, determinati e tutti italiani? Già, proprio Mutti

Quella sconfitta fu tutt’altro che priva di conseguenze per i nostri colori: le tre reti di Valoti (padre di Mattia, attualmente in forza alla Primavera rossonera), Di Francesco e Luiso misero infatti fine all’esperienza rossonera di Oscar Washington Tabarez, già pesantemente in bilico a causa dei non lusinghieri risultati novembrini e dall’emorragia di vittorie negli scontri di vertice.

Tempi diversi, tempi più duri e fortunatamente morti e sepolti. Il Milan che oggi si presenterà al Barbera è infinitamente più forte, più coeso e ha tutte le carte in regola per andare in fondo a tutte le competizioni: certo, rileggendo i precedenti narrati da SM in questi giorni (per non parlare di Milan – Bari dello scorso anno…) guardare all’attuale allenatore rosanero con un po’ di sospetto diventa però inevitabile.