Tutti al lavoro e poi finale in musica con...

Tutti al lavoro e poi finale in musica con…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo la giornata di riposo concessa da Mister Allegri, la squadra è tornata al lavoro per iniziare la preparazione in vista della trasferta di Parma. Sul campo centrale i giocatori, 19 di movimento più i due portieri Abbiati e Amelia, a partire dalle 15.00 hanno svolto 15′ di torello, poi una fase di riscaldamento a secco tra corsa lungo l’asse verticale del campo e stretching per arti inferiori e superiori.

A seguire i rossoneri hanno svolto 30′ di possesso palla e una partitella con quattro porticine su una porzione del campo centrale. L’allenamento si è concluso con una partitella 10 contro 10 su metà campo.

Alessandro Nesta e Thiago Silva hanno lavorato in palestra. Mathieu Flamini e Kevin Prince Boateng si sono allenati in mattinata. Clarence Seedorf e Antonio Cassano hanno svolto lavoro personalizzato. Maxi Lopez ha lavorato sui cambi di direzione. Domani la squadra si troverà negli spogliatoi alle 10.30 per iniziare l’allenamento a partire dalle 11.00.

Dulcis in fundo, una sorpresa tutta brasiliana: a Milanello Michel Telò ha ballato e cantato Ai se eu te pego con Thiago Silva, Pato e Robinho davanti alla telecamera e al microfono di Milan Channel. E’ stato Alexandre Pato a tradurre in italiano le parole di Michel Telò a Milanello, davanti alle telecamere di Milan Channel: “E’ felicissimo di essere qui, gli piace tantissimo seguire le partite del Milan quando noi siamo in campo”. Ha ricambiato la gentilezza Thiago Silva: “Una canzone brasiliana non era mai stata così famosa e seguita come Ai se eu te pego”.

(Fonte: AcMilan.com)

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy