Sei qui: Home » News » Esclusiva “Falla Girare”, Formigoni: “Tenersi Thiago e Ibra sarebbe già grandioso. Pirlo? Abbiamo regalato lo scudetto”

Esclusiva “Falla Girare”, Formigoni: “Tenersi Thiago e Ibra sarebbe già grandioso. Pirlo? Abbiamo regalato lo scudetto”

Tifosissimo milanista, dall’alto del nuovo palazzo della Regione Lombardia, il governatore Roberto Formigoni commenta la stagione appena conclusa e guarda con timida fiducia alle prospettive di mercato rossonere. Il Celeste è intervenuto oggi pomeriggio a “Falla Girare”, il varietà sportivo di Radio Lombardia, condotto da Christian Pradelli e Piermaurizio Di Rienzo.

Provo ancora una rabbia terribile per la stagione scorsa – ha spiegato il Presidente lombardo – lo scudetto dovevamo vincerlo noi. Siamo stati perseguitati dagli infortuni. Quale squadra ha avuto le sfortune che abbiamo avuto noi? Penso a Pato, praticamente fuori per tutto il campionato, Cassano, che era partito benissimo, Boateng, che dopo un certo periodo non si è più riavuto. Senza infortuni avremmo potuto fare quei 6-7 punti in più. E sulla Champions League ci sarebbe da dire qualcosina: a Barcellona eravamo sull’1-1 e siamo stati piegati da un rigore visto solo dall’arbitro. Avremmo potuto fare noi l’impresa che ha poi fatto il Chelsea“.

Naturalmente oggi si guarda al mercato e al Milan che verrà. E Formigoni, amico di Adriano Galliani e fedelissimo di Silvio Berlusconi, giudica positivamente le prime mosse del club di via Turati: “I due nomi che abbiamo portato a casa sono due ottimi nomi: Montolivo, fortissimo centrocampista della Nazionale, e Traorè. Le aspettative sono sempre alte, ma sappiamo anche che in tempi di ristrettezze economiche, con l’Uefa che guarda i bilanci e col presidente Berlusconi più attento, sarebbe già un risultato colossale tenere Thiago Silva e Ibrahimovic. Bisognerà inserire un paio di giovani italiani. Il Milan deve andare avanti nella direzione dei giovani italiani, ma mi rendo conto che la dirigenza fa quello che può con poche risorse“.

LEGGI ANCHE:  Milan al lavoro per il talento del Sassuolo, ma spunta un ostacolo: il motivo

Infine, la chiosa più amara, relativa alla cessione di Andrea Pirlo alla Juventus: “E’ la cosa che più mi è rimasta sul gozzo. Voglio bene al Milan e alla sua dirigenza, ma non capisco come abbiamo fatto l’estate scorsa a lasciar partire Pirlo. Ci saranno state incomprensioni col tecnico, con la società, ma era chiaro che dopo l’infortunio avrebbe fatto una super annata. Lo avrei inchiodato con le catene, poi ce lo siamo fatti fregare a parametro zero quando siamo noi che freghiamo agli altri i giocatori a parametro zero. Quest’onta dalla Juventus è stata vergognosa. La cessione di Pirlo è la causa evidente del mancato scudetto. Bisognava proprio darlo alla Juve? Piuttosto al PSG, agli sceicchi, agli eschimesi”.