Sei qui: Home » News » Strasser blocca Ogbonna?

Strasser blocca Ogbonna?

Per Rodney Strasser non c’è pace. Il centrocampista della Sierra Leone, operato sabato scorso per una frattura al malleolo tibiale, non riesce a trovare continuità di rendimento. Troppi stop, tra infortuni e ricadute, ne hanno impedito l’impiego costante. Al punto che nelle ultime due stagioni, tra Milan, Lecce e ritorno ancora in rossonero, ha collezionato appena 19 presenze.

Il giocatore non tornerà in campo prima di 2-3 mesi, a stagione ampiamente iniziata, sia in campionato, sia in Champions League. I tempi di recupero non solo rappresentano una brutta notizia sul piano personale, ma anche in ottica mercato. Da qualche settimana, infatti, il Milan aveva avviato una trattativa col Torino per cedere Mesbah e Strasser al club granata in cambio di un’opzione sul difensore Angelo Ogbonna. Con la cessione di Thiago Silva al PSG l’affare poteva subire un’improvvisa accelerata al punto da ipotizzare un arrivo immediato del giocatore granata in cambio delle contropartite già definite, più qualche conguaglio cash. Oggi, però, le condizioni di Strasser hanno fatto saltare il banco. E il Milan dovrà provare a ritessere una nuova tela con Urbano Cairo, inserendo altri elementi nella trattativa.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato Milan, il piano cessioni per aumentare il budget: i nomi!

La tenuta fisica del mediano africano è quantomeno preoccupante. Già a gennaio il ragazzo era stato alle prese con un grave infortunio al malleolo, che lo aveva costretto a saltare praticamente tutta la seconda parte della stagione. Sembrano lontani i tempi dalla stagione 2010/2011 quando Strasser, arrivato al Milan nell’ambito dell’operazione Papastathopoulos, cominciò a imporsi in Prima Squadra. Il momento più esaltante fu il 6 gennaio 2011, nella trasferta di Cagliari, quando dopo essere subentrato a Gattuso all’85’ segnò il gol-vittoria su assist di Antonio Cassano. E nella successiva gara contro l’Udinese, pareggiata per 4-4, giocò titolare per tutta la partita. Oggi il suo futuro è molto incerto. Un po’ come la caviglia…