Brilla la stella di Pato, per Urby ennesima bocciatura

Brilla la stella di Pato, per Urby ennesima bocciatura

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

15, come i minuti avuti a disposizione da Pato nell’amichevole contro la Svezia per dimostrare il suo valore e guadagnarsi un posto da titolare nel Brasile di Menezes; 3, come i minuti che gli sono serviti per realizzare una strepitosa doppietta e chiudere anzitempo la partita. E’ stata una serata magica per il Papero: nello stesso stadio di Stoccolma dove 54 anni fa la Seleçao vinse il suo primo titolo mondiale, sotto gli occhi di Pelè il numero 9 rossonero ha disputato uno strepitoso finale di gara.

Partito ancora una volta dalla panchina per lasciar spazio a Neymar e Damiao, il Papero è subentrato soltanto al 75′, stravolgendo completamente il corso del match: al 84′ sigla il primo gol di testa su passaggio di Dani Alves, mentre soltanto 3 minuti dopo lanciato a rete, viene steso in area. Calcio di rigore procurato e trasformato dallo stesso Papero, che con la sua doppietta porta il Brasile sul 3-0, chiudendo anzitempo la gara. Musica per le orecchie di Galliani e, soprattutto, di tutti i tifosi milanisti. Pato è risultato finalmente decisivo, è entrato a gara in corso con grinta e determinazione, voglioso di mettersi in mostra, dimostrando di stare bene e di essere già in forma per l’inizio di stagione: “Sono stati 35 giorni di emozioni, amicizia e orgoglio con il Brasile. Adesso è tempo di tornare a casa, forza Milan“, scrive su Instagram. Pato farà rientro oggi a Milanello, pronto a prendersi in mano una squadra che ora più che mai ha bisogno della sua classe e dei suoi gol. 

Buona anche la prestazione del neo acquisto rossonero Gabriel: il giovane portiere è rimasto spettatore fino al 40′ del primo tempo, quando si è reso protagonista di un grande intervento su Berg, lanciato a rete. Pochi, tuttavia, i pericoli corsi dal Brasile, in un match controllato dall’inizio alla fine senza rischi eccessivi. Porta inviolata, dunque, e prestazione positiva anche per Gabriel.

Serata negativa, invece, per Urby Emanuelson, rimasto spettatore nella gara che ha registrato la sconfitta della sua Olanda contro il Belgio per 4-2. Dopo la mancata convocazione per scelta tecnica ad Euro 2012, Emanuelson non è stato schierato dal neo ct Van Gaal nella formazione titolare, e non è nemmeno subentrato a gara in corso. Se nel Milan Emanuelson si sente apprezzato e considerato da Allegri, lo stesso non può dire in nazionale: né l’ex ct Van Marwijk né Van Gaal dimostrano di voler puntare su di lui e per Urby quella contro il Belgio è stata l’ennesima bocciatura

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy