Settimana straordinaria, in attesa del derby! Roura non all’altezza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

BORSINOSi conclude stasera con il decisivo derby della Madonnina una settimana finora straordinaria per i rossoneri. Merito, ovviamente, della vittoria contro il Barcellona, insperata, difficilmente pronosticabile e tanto magnifica quanto sontuosa è stata la prestazione degli uomini di Allegri. Un trionfo che certamente non lascia tranquilli in vista del ritorno, poiché tutti conosciamo lo strapotere dei Catalani sul proprio terreno di gioco, che al massimo si adatta alle caratteristiche degli uomini allenati da Roura. Non possiamo negare che il 2-0 sia un punteggio estremamente positivo, ma non possiamo nemmeno nascondere che il Barcellona va in rete, soprattutto al Camp Nou, con una facilità disarmante. E con una difesa spesso ballerina come quella rossonera bisogna stare più che all’erta. Intanto, però, c’è da godersi un’impresa memorabile. IN RIALZO.

Ciò che conforta, soprattutto dopo le non brillantissime prestazioni delle ultime di Campionato, è stato proprio il gioco dei rossoneri. Quello di Allegri è stato un vero e proprio capolavoro tattico, in quanto la squadra è riuscita a imbrigliare in una ragnatela inestricabile non solo Messi, ma anche le vere e reali fonti di gioco del Barça, Iniesta, Xavi e Fabregas. Risultato: zero tiri in porta da parte di blaugrana! Un record! Non solo. Il Milan non è rimasto barricato nella propria aerea di rigore, come spesso succede a chi incontra gli Spagnoli, ma si è reso pericoloso diverse volte e, soprattutto per tale motivo, ha meritato di portare a casa la vittoria. Speriamo di ripetersi, o almeno andare vicini a una simile prestazione, anche al Camp Nou! IN RIALZO.

Di fronte a una prestazione simile, risultano inspiegabili le reazioni dei Catalani, Roura in testa, i quali hanno parlato di campo impraticabile, di vittoria immeritata, di primo gol irregolare, di sfortuna e hanno evidenziato che a Barcellona finirà con una goleada. Nessuno discute la validità di questa formazione, una delle più forti di ogni tempo, ma ogni squadra che si rispetti deve prima di tutto essere umile. E questo Barça non lo è. I signori blaugrana hanno già accantonato l’incredibile rigore concesso l’anno scorso a gioco fermo e certamente hanno “visto” la partita coi paraocchi. San Siro non sarà il Camp Nou, ma sicuramente è un terreno di gioco infinitamente migliore rispetto a quello dello scorso anno e l’assenza di tiri in porta la dice tutta su chi abbia meritato di vincere. Dispiace sentire certe affermazioni da una società che fino alla gestione Guardiola si era distinta anche per stile. IN RIBASSO.

Venendo alla partita di stasera, è inutile evidenziarne l’importanza. Innanzitutto è un derby e solo per questo motivo conta più delle altre partite, soprattutto dal punto di vista psicologico. In secundis, il Milan ha perso le ultime tre stracittadine ed è una tendenza che non fa onore e che bisogna al più presto invertire. Infine, la motivazione più importante: ci si gioca una grossa fetta del terzo posto. Pur mancando tanti turni alla fine della stagione, infatti, in questo caso il derby rappresenta uno scontro diretto vero e proprio, perché le squadre hanno solo un punto di differenza e domani la Lazio facilmente si allontanerà da chi non vincerà stasera. E per il morale sarebbe un duro colpo. Per cui, l’imperativo è continuare la straordinaria cavalcata degli ultimi mesi! STAGNANTE.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI