Dalla sosta alla rincorsa, per Bonera c’è una difesa da scalare

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

BoneraTre come la posizione in classifica raggiunta dal Milan dopo il successo di venerdì scorso a San Siro contro la Lazio, il numero perfetto. O forse no. almeno non per Daniele Bonera, alle prese con una serie di infortuni che lo hanno allontanato dal campo nel momento della rinascita in campionato e della sorpresa in Europa dei rossoneri. Tre stop: una lesione muscolare alla coscia sinistra subita l’11 novembre scorso durante Milan-Fiorentina, un problema muscolare alla coscia destra accusato durante un allenamento a Milanello ad inizio gennaio e per finire una forte contusione alla coscia sinistra con vasto ematoma dopo Milan-Udinese del 7 febbraio. Nel complesso solo 14 presenze.

Un periodo no, non è il primo purtroppo, per il difensore bresciano, che nella sua carriera ha sempre dovuto convivere con acciacchi, fastidi e una condizione fisica insicura. Un giocatore che nell’anno della ricostruzione doveva (e lo stava facendo) rappresentare uno dei pochi punti di riferimento per ripartire e ricominciare un nuovo ciclo. Invece Bonera ha potuto solo osservare da lontano la rimonta dei suoi compagni, la rivincita di Allegri e il successo contro il Barcellona. Una stagione quasi da dimenticare, almeno per il momento, che lo sta “nascondendo”, soprattutto gli sta facendo perdere terreno nelle gerarchie in difesa.

Zapata è cresciuto a vista d’occhio a suon di prestazioni e fiducia, tanto da poter essere considerato l’unico punto fermo del reparto centrale del Milan. Accanto a lui un solido Mexes, uno nuovo Zaccardo e il mai dimenticato Yepes. La colpa dei problemi di inizio stagione non erano solo sua, anzi, ma è curioso che senza Bonera i rossoneri abbiano cambiato marcia e trovato una difesa sempre più affidabile. Solo un caso? Probabilmente sì. Intanto Bonera è tornato di nuovo in gruppo da qualche giorno ed è nuovamente disponibile (sarà pronto per Barcellona). Ma adesso dovrà rincorrere e sudare per mettersi in discussione a differenza del passato.

Siamo su Google News: tutte le news sul Milan CLICCA QUI