Vergara più vicino, Dragovic conteso e Dedé sfumato. Ma sul difensore centrale aveva ragione Berlusconi: ecco perché